Frasi e Citazioni

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our Cookie Policy.

    Il forum di ikariam si è trasferito.
    Potete trovarci al seguente LINK.

    • Frasi e Citazioni

      Buon pomeriggio a tutti. :)
      Pensavo ci fosse già un thread di questo tipo ma invece non c'è o non l'ho visto.
      Semplicemente una frase al giorno leva il medico di torno..... ah no forse quella era un'altra citazione un pò diversa eheheh :rolleyes: , in ogni caso tutto fa brodo, anche la gallina vecchia!... ihihihiii :D vabbè scherzi a parte, qui potremo postare la nostra frase o citazione del momento o quella giornaliera, ovvero tutte le nostre citazioni preferite.

      Inizio con la prima:

      <<L'eleganza è l'equilibrio tra proporzione, emozione e sorpresa.
      L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare, lasciare il segno nei cuori e nelle menti delle persone e saper far parlare di sé.

      Lo stile è avere il coraggio delle proprie scelte.

      "Solo Lei poteva dirlo o farlo, non si preoccupava delle conseguenze perché poteva sopportarne il peso poiché era forte e coraggiosa, perché era il suo stile e lasciava il segno!">>


    • STEVEN PAUL JOBS
      1955 - 2011

      Dedicato ai folli.

      Dedicato ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane,
      a quelli che non si arrendono davanti all'evidenza, a quelli che vedono le cose in modo diverso,
      costoro non amano le regole e non hanno nessun rispetto per lo status quo,
      potete citarli, essere in disaccordo con loro, glorificarli o denigrarli,
      ma l'unica cosa che non potrete mai fare è ignorarli perché loro cambiano le cose,
      loro fanno progredire l'umanità, e mentre qualcuno potrebbe definirli folli, noi ne vediamo il genio,
      perché solo quelli abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano veramente.


      L'innovazione non ha niente a che fare con quanto spendi per la ricerca.
      Ai tempi in cui la Apple lanciò il Mac, la IBM spendeva 100 volte di più in ricerca.
      Non è questione di soldi.
      Dipende dalle persone che hai in team,
      dipende da come ognuno viene guidato,
      e da quanto a fondo conoscono il "mondo" in cui devono operare.
    • Che cosa c'è nella società che ti delude tanto?

      Nel post precedente Delta ha parlato di cambiamento,di folli che lo sono stati a tal punto di essere riusciti a cambiare il mondo.
      Ma siamo completamente convinti che tutti i cambiamenti che si sono susseguiti abbiano portato a qualcosa di buono?

      Penso che questa serie tv la conosciate tutti,o per lo meno in gran parte sicuramente.

      "Che si fo**a la società."




      ALPHA: KAOS[/s]
      KAPPA: CREW
      LAMBDA: ALFA
      OMEGA: RUM
      ASKLEPIOS: CIN
      CHARON: RIP
      DEMETER: GVNG
      DIONYSOS: P-R
      EIRENE: BOOT
      ARES03: P-R

      The post was edited 1 time, last by miti ().

    • A winner is simply a dreamer who has never surrendered.
      Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.



      Display Spoiler


      Uso il termine in senso lato signori, ma un medico non è qualcuno che aiuta qualcun'altro?
      Quando il termine medico ha preso un accezione reverenziale:
      Oh prima lei dottor Smith, complimenti dottor Shoulz che begli zoccoli ha!
      Ma si figuri dottor Petterson le sue flatulenze non hanno odore!

      Giuria: Scandaloso!

      A che punto della storia, un medico è diventato piu' di un fidato e dotto amico che visitava e curava gli infermi.
      Voi mi chiedete se esercito la medicina, se questo significa aprire la porta a chi ha bisogno,
      a chi è sofferente, accudirlo, ascoltarlo, mettergli un panno freddo in fronte finché la febbre si abbassa,
      se è questo fare il medico, se è questo curare un paziente, allora mi dichiaro colpevole signore.

      Giuria: Ha considerato le implicazioni del suo modo di agire? Se uno dei suoi pazienti morisse?

      Cos'ha la morte che non va? Di cosa abbiamo così mortalmente paura?
      Perchè non trattare la morte con un po' di umanità e dignità e decenza e Dio non voglia perfino di umorismo.

      Signori, il vero nemico non è la morte, vogliamo combattere le malattie, combattiamo la piu' terribile di tutte:l'indifferenza.


      Nelle vostre aule ho assistito a disquisizioni sul transfert e la distanza professionale,
      il transfert è inevitabile signore,
      ogni essere umano ha un impatto su di un'altro perché vogliamo evitarlo in un rapporto paziente medico?
      E' sbagliato quello che insegnate nelle vostre lezioni, la missione di un medico non deve essere solo prevenire la morte,
      ma anche migliorare la qualità della vita.
      Ecco perchè se si cura una malattia si vince o si perde,
      se si cura una persona vi garantisco che in quel caso si vince qualunque esito abbia la terapia.

      Qui vedo oggi un'aula piena di studenti di medicina, non lasciatevi anestetizzare,
      non lasciatevi intorpidire di fronte al miracolo della vita,
      vivete sempre con stupore il glorioso meccanismo del corpo umano,
      questo deve essere il fulcro dei vostri studi, e non la caccia ai voti,
      che non vi daranno alcuna idea di che tipo di medico potrete diventare.
      E non aspettate di essere in corsia per riacquistare la vostra umanità,
      sviluppate subito la capacità di comunicare:
      parlate con gli estranei, con gli amici, con chi sbaglia numero, con chi vi capita.
      E coltivate l'amicizia di quelle stupende persone che vedete in fondo all'aula, infermiere che possono insegnarvi,
      stanno con la gente tutti i giorni,
      fra sangue e merda e hanno un patrimonio di conoscenze da dividere con voi,
      e così fate con quei professori che non sono morti dal cuore in su',
      condividete la compassione che hanno, fatevi contagiare!

      Giuria: Signor Adams io pretendo che si rivolga alla commissione!

      Signore, io voglio fare il medico con tutto il mio cuore,
      io volevo diventare medico per assistere il mio prossimo,
      e per questo motivo ho perso tutto,però così ho anche guadagnato tutto,
      ho condiviso le vite dei pazienti e del personale dell'ospedale,
      abbiamo riso insieme e pianto insieme,
      questo è ciò che voglio fare nella mia vita.

      E Dio mi sia testimone, comunque decidiate oggi signori, guarderò ancora con fiducia al mio scopo,
      diventare il miglior medico che il mondo abbia mai visto.
      Voi avete la facoltà di impedire che io mi laurei, potete impedirmi di ottenere il titolo, il camice bianco,
      ma non potete controllare il mio spirito,
      non potete impedirmi di apprendere, non potete impedirmi di studiare.

      A voi la scelta, avermi come collega di lavoro, passionale
      oppure avermi come voce fuori dal coro sincera e determinata,
      in entrambi i casi verrò forse considerata una spina,
      ma vi prometto una cosa:
      sarò una spina che non riuscirete a togliere!

      Giuria: Questo è tutto?

      SPERO DI NO SIGNORE!